Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Stampa

Poche cose sono impossibili se si è diligenti e dotati di capacità. I grandi EVENTI si compiono non con la forza ma con la perseveranza.                                                      

Assettati A2 2019 min

DJ SET RADIO PUNTO NUOVO
Serata a ritmo di musica dance, Sabato 13 Luglio a partire dalle 22:00 con ASPETTANDO ASSETTATI ADDO' VUO', con il Dj di Radio Punto Nuovo, dagli anni 80 fino ai maggiori successi del momento con animazione, gadget, interviste in diretta e tante meravigliose sorprese.

MOLOTOV D’IRPINIA
Nati ufficialmente nel 2005
Antonio Modano, Piero Buccella, Giuseppe Capobianco, Giovanni Famiglietti, Andrea Saldutti, Pietro Giusto e Franco Zarella sono comuni ragazzi che hanno saputo trasformare una forte e solida amicizia in una concreta e bella realtà musicale.
Sono gli anni del liceo quando un gruppo di ragazzi inizia ad improvvisare per la prima volta esibizioni live in piccoli contesti e con poche aspettative.
Il repertorio è composto perlopiù da brani tratti dalla tradizione popolare meridionale e le esibizioni per circa un paio d’anni sono molto informali ed amatoriali.
Il 2007 è stato un anno di svolta per i Molotov d’irpinia; la band, infatti, inizia a calcare palchi importanti ed ha il privilegio di aprire il concerto del noto artista napoletano Eugenio Bennato in occasione del festival “Sud Senerchia”.
Questa sarà solo la prima delle tante occasioni in cui i ragazzi avranno l’opportunità di collaborare con grandi artisti del panorama musicale italiano; non a caso riusciranno ad aprire numerosi concerti di artisti blasonati come Vinicio Capossela, 99 Posse, Après La Classe e James Senese.
Nella band si innesca un entusiasmo ed una consapevolezza nei propri mezzi che porteranno i Molotov alla seconda svolta della loro breve ed acerba carriera; nel 2011, infatti, i ragazzi incidono il loro primo album , “Le nuvole del cielo terrone”.
Il disco, si compone di 9 tracce, molte delle quali inedite. Il tour che segue l’uscita del disco va’ oltre ogni più rosea aspettativa; “A Uso Meridionale” e “Suona Ancora” diventano in breve tempo veri e propri tormentoni, sigle sonore che accompagnano tantissimi giovani (e non) nella faticosa routine giornaliera. La band riesce a ritagliarsi una grossa fetta d’attenzione e di seguito, tanto che “Suona Ancora” verrà trasmessa sulla RAI.
Con il passare degli anni il gruppo decide di mettersi all’opera per un secondo album composto esclusivamente da pezzi inediti. Intense sessioni di registrazione in studio, estenuanti prove e tanto sudore versato sui propri strumenti porteranno nel 2014 a “Se trovo lavoro ti sposo”. Nell’album , i Molotov, pur mantenendo la loro pura freschezza e pazzia giovanile, cercano indubbiamente di evolversi rispetto al primo lavoro; i nuovi pezzi hanno un sound più tendente al rock e al pop rispetto a prima, con qualche contaminazione ska. La musica accompagna dei testi sempre impegnativi, che vanno a descrivere storie di vita vissuta. La maturazione della band si evince anche dalle collaborazioni avute nel cd; infatti, sono ospiti nell’album spiccate personalità della musica e del panorama artistico italiano, come Ricky Portera (storico chitarrista di Lucio Dalla e fondatore degli Stadio), Ernesto Vitolo (tastierista di “Nero A Meta’ ”, noto album di Pino Daniele e della formazione Napoli Centrale), Nello Giudice (bassista di Mango), Angelo Maggi (doppiatore del commissario Winchester nei Simpson) e Leslie La Penna (doppiatore di Brian Griffin). L’ album, anticipato dall’uscita di un videoclip promozionale girato con la partecipazione di Luca Abete, viene patrocinato dalla nota etichetta “Officina Record”.
I risultati positivi non tardano ad arrivare; la band viene impegnata da un tour molto intenso, impreziosito da una data in Svizzera (città di San Gallo). I Molotov, inoltre, vengono selezionati per esibirsi sul prestigioso palco principale del Meeting del Mare 2015 insieme a mostri sacri della musica italiana come Verdena e Lo Stato Sociale. Il successo dell’album viene certificato anche online; pezzi con quasi 100.000 visite su YouTube e circa 12.000 likes sulla pagina Facebook.
Giugno 2016 invece, segna l’uscita del Terzo Disco: PADRONE E SOTTO.
Il nuovo album dei Molotov d’irpinia, pubblicato sotto etichetta nazionale iCompany, è stato realizzato parte in Irpinia, per poi poter essere ultimato a Bologna, in uno degli studi più prestigiosi d’Italia, Fonoprint studios. Hanno preso parte ai lavori, diversi professionisti di spicco del panorama musicale italiano, tra cui Maurizio Biancani vincitore di due Grammy Awards e ingegnere del suono di Vasco Rossi, Zucchero, Stadio, Il volo,Guccini… e di tutti i dischi certificati oro in Italia                                             

MELAGODO EVENTS                                                                                                                                                                                                                      Un dj set pieno di novità: Dr. Why , Dr. Music , Just Dance , Dr. Detective ci faranno ballare ballare ballare con attrazioni mozzafiato.                                           

COLLANT                                                                                                                                                                                                                                  Bella gente, ci siamo!! I COLLANT arrivano per proporvi la "TIMELESS MUSIC", la musica senza tempo, senza età, la musica di tutte le generazioni.Il gruppo propone un tuffo nell'Italia degli anni '50/'60/'70, l'Italia nostalgica delle vecchie generazioni, l'Italia da sogno immaginata dalle nuove.Twist, swing, rock'n,roll, beat, chi di voi non vorrebbe ballare sulle note di questa musica? Un'esperienza a dir poco catartica, entusiasmante, spumeggiante, che richiama i grandi nomi della musica degli anni d'oro: Mina, Rita Pavone, Gianni Morandi, Edoardo Vianello, Rocky Roberts, Caterina Caselli e tanti altri ancora.I COLLANT giungono imperterriti per farvi rivivere quegli anni. Cosa aspettate allora? Noi fremiamo dalla voglia di farvi divertire. 

BOOMERANG STREET BAND
Boomerang Street Band è la prima Street Band EtnoFunky d' IRPINIA e prima realtà di questo genere, per concerti itineranti, nata per portare nuova musica tra le strade e una carica esplosiva di energia tra la gente!!!

TWO MEN ONE SHOW
Artisti di strada eclettici :Nord Sud,Sopra Sotto,Duro Morbido,Giorno Notte,Acceso Spento,Luce Buio, Impulsivo Riflessivo,Inferno Paradiso...
Siamo quasi sempre in disaccordo, ma quando questo cambia... #TwoMenOneShow

RISERVA MOAC
Hip-pop e rock le coordinate dei Dub Fx con la Fanfara Ciocarlia o quelle dei Gogol Bordello con Dj Shantel sui binari delle robuste basi electro vi troverete nella Babilonia “glocal” della RISERVA MOAC. Un posto dove la globalizzazione è quella delle diverse bellezze culturali e sociali, non quella triste dei mercati; dove l’incontro, il confronto e la mescolanza sono all’ordine del giorno; dove la vera ricchezza è l’umanità, quella cosa bellissima che il genere umano deve recuperare. Fino ad oggi, la Riserva Moac vanta un gran numero di concerti in Italia e in Europa, un notevole carnet di riconoscimenti ed alla costante presenza in molte compilation italiane ed estere.
Consacrata nell’Arezzo Wave 2003, nel 2005 esce Bienvenido, il primo Cd. Brani come Bienvenido en la reserva, Di vedetta sul mondo, Ungaretti sono stati suonati anche al concerto del Primo Maggio 2006, in una gremitissima piazza San Giovanni a Roma. Tra i più importanti festival a cui il gruppo ha partecipato figurano il Festival Interceltique de Lorient (FR), il FIMU di Belfort (FR), BJCEM, senza dimenticare un importante tour negli USA.
Nell’autunno del 2007 un nuovo singolo, Il Riservista, comincia a suonare nelle radio, con tour al seguito e nuove esperienze europee come il famoso TFF 2008 a Rudolstadt (DE). Nel giugno del 2009 esce il secondo album La Musica dei Popoli. ll suono si compatta e si ingrossa; la fusione di stili, strumenti e linguaggi è più profonda. L’elettronica comincia a soppiantare le componenti più folk, dando vita ad un sound globale con influenze balkan e rock. Si consolida anche l’apertura europea del gruppo, con l’etichetta tedesca Galileo-MC. Ogni anno sono frequenti i concerti in Germania e Francia
Il primo maggio 2012 esce il nuovo singolo MayDay MiDai, anticipazione di un tour estivo diverso in stile e scenografia.
Nell’estate 2014 è uscito Jackpot, un nuovo, prorompente singolo con un feat. di Erriquez, frontman della Bandabardò. Jackpot è passato in heavy rotation su numerose radio nazionali, attestandosi per sedici settimane ai primi posti della classifica di gradimento Indie Music Like. Sempre nel 2014 la Riserva Moac vince il concorso nazionale HitMusicAwards, ottenendo la pubblicazione di Jackpot e MayDay MiDai su Hit Mania 2014, famosa compilation con una tiratura di oltre 30.000 copie, uscita lo scorso fine dicembre.
Il 2015 della band molisana corre all’insegna di un nuovo album, Babilonia (sempre pubblicato dall’etichetta tedesca Galileo-MC). Il tour di presentazione del disco è composto da live show completamente rinnovati in cui ai brani freschi di “Babilonia” si sono affiancati i cavalli di battaglia che hanno caratterizzato un decennio di attività musicale in Italia e in Europa. Il tutto con arrangiamenti originali e rivisitati, grazie alla frenetica sessione di ottoni della Bukurosh Balkan Orkestra. Babilonia, un album corale, in cui i featuring di numerosi artisti contribuiscono a creare quella Festa global che è il sound e il messaggio della Riserva Moac. Da Erriquez della Bandabardò (presente in Jackpot) ai rapper Master App e Big Roma, fino ad arrivare a Salia, cantante africano di speranza ed alla White Widow, singer statunitense dall’anima suadentemente e caparbiamente rock.Il 2016, dopo l’uscita discografica di Babilonia, vede la Riserva Moac impegnata in una intensa attività live. Tra aprile e maggio, un tour promozionale del nuovo album, ha visto la band sui palchi di alcuni tra i locali storici della scena live italiana, come il Fuori Orario di Taneto (RE) e il Vibra di Modena. Ma anche Roma, Milano, Taranto. Nuovo vigore anche alle partecipazioni in festival europei.. Sommerfestival der Kulturen a Stuttgart, Kramenbruckerfest a Erfurt, stadtfest a Jena: questi i festival open air a cui la Riserva ha partecipato in Germania.Ma il 2016 è anche l’anno della Riserva Moac in un’inedita veste teatrale. Le musiche di Babilonia, infatti, sono eseguite dal vivo nel Re Lear di Shakespeare, per la regia di Stefano Sabelli in tour nei teatri italiani. Una Riserva “fuori dalla riserva”, impegnata ad abbattere muri e recinzioni ancora presenti nella nostra mente. Nel 2017, una crescita costante di concerti ed attività live grazie alla proficua collaborazione con MAD - Make a Dream con oltre 50 live nazionali ed internazionali

VINIL GIANPY
Si chiama Gianpietro Verosimile, ma tutti lo conoscono come Vinyl Gianpy. E’ un Dj, probabilmente il più apprezzato in Irpinia, che da dieci anni calca palcoscenici internazionali. Da Stoccarda a Malaga, passando, ovviamente, per Avellino e fino alla festa di compleanno di Asia Argento, sempre più persone hanno modo di ascoltarlo e affezionarsi a lui.
La passione per la musica, i consigli di Michele Acampora e Giulio Laudadio, la voglia di comunicare e consentire agli altri di farlo, i “cartelli promozionali” che tira fuori durante le serate. D’altronde Vinyl Gianpy ama ricordarlo ad ogni occasione: «Le avanguardie passano, ma le belle canzoni restano!».

I DISSONANTHIKA
I Dissonanthika nascono nell’autunno del 2015 con il nome di “Perle del Sud”.
Il progetto musicale prevedeva la raccolta di brani popolari del Meridione e l’esibizione nelle piazze allo scopo di intrattenere e trasmettere al pubblico quella che è stata l’anima musicale delle nostre terre, esprimendo la gioia di vivere e il libero sfogo delle passioni, anche le più recondite.
Attraverso un accurato impegno collettivo, le melodie hanno acquisito complessità ed il genere si è modificato e talvolta evoluto nel tempo, creando una fusione tra il popolare tradizionale, il rock, il blues, il funk e il jazz, dando vita, quindi, ad una vera e propria rivoluzione musicale “modern folk rock”.
Da questo incontro-scontro di generi musicali nasce, nell’estate del 2017, un nuovo progetto che induce il gruppo a modificare il nome in DISSONANTHIKA, a voler evocare una sorta di "deformazione" e trasformazione della musica antica.
Oltre che una crescita personale, questo progetto ci invita alla scoperta di un’eredità di canti popolari ormai sonosciuti che, arrangiati in chiave moderna, si propongono come attrazione per un pubblico più giovane. Un vero e proprio confronto culturale che ha lasciato ai musicisti la possibilità di poter trasmettere la propria indole nelle soluzioni compositive impiegate.
Rabbia, grinta, malinconia e allegria si contrastano con la forza, l'estasi e l’entusiasmo attraverso generi musicali fusi tra loro. Al contempo, testi popolari e dialettali aprono una finestra sulla cultura tradizionale raccontando quello che è stato l’amore, il corteggiamento della donna, la passione, la sofferenza, la scaramanzia e il quotidiano dei tempi antichi con i suoi chiaroscuri.

BATERIA PEGAONDA
La Bateria Pegaonda, afferente all’associazione culturale Sambanapoli, è un gruppo di percussionisti nato a Napoli nel 2009 su iniziativa di ritmisti attivi da diversi anni nel panorama percussivo partenopeo.Il gruppo propone un repertorio di musica brasiliana legato, in particolare, al Nordest del Brasile, una terra dove la mescolanza tra la cultura africana degli schiavi impiegati nelle piantagioni e la cultura locale ha dato vita ai generi sui quali la bateria focalizza l’attenzione: il samba reggae, un genere bahiano che costituisce la massima espressione dell’orgoglio afro in Brasile; il maracatu, il ritmo pernambucano protagonista del carnevale di Recife e Olinda; l’ijexà, la musica che fa da sfondo ai riti di candomblé e alle rodas de capoeira.La Bateria Pegaonda, nel corso degli anni, ha ampliato la proprio cultura musicale grazie alla partecipazione a numerosi workshop di percussioni brasiliane tenuti da grandi professionisti, come Anderson de Souza, figlio di Neguinho do samba, fondatore degli Olodum nonché inventore del samba-reggae, e mestre Irinieu dei Maracatu Estrela Brilhante, uno dei maggiori gruppi di maracatu del Pernambuco.Sin dalla sua nascita, inoltre, il gruppo ha preso parte a numerosi ed importanti eventi, manifestazioni e festival, contribuendo, in questo modo, a divulgare la conoscenza dell’universo musicale del Nordest brasiliano.I Pegaonda offrono la possibilità, a tutti coloro che vogliano avvicinarsi ai ritmi del nordest brasiliano, di prendere parte a laboratori di percussioni brasiliane tutti i lunedì, a partire dalle ore 20:00

YIN AND YANG
Come il nostro simbolo uno compensa l'altro:
YIN nasce con l'hula hoop e trampoli ampliando il suo "bagaglio" con performance di tribal fusion e fans fire.
YANG il suo primo rapporto con la giocoleria e stato a 15 anni con le 3 arance, nel corso del tempo ha ben pensato di abbandonare la frutta e di comprarsi la giusta attrezzatura. Oggi gioca con 5 palline monociclo, clave, cerchi, contact staff, contact sword, capoeira, duble staff. La nostra ciliegina sulla torta e uno STENDINO.

I MALAMENTE
I Malamente nascono nel 2009 grazie alla passione per la musica popolare che accomuna Vito Raosa, Pietro Accomando e Alessio Raosa. Da subito lo scopo del gruppo è quello di riscoprire e riproporre la storia e le antiche tradizioni del sud Italia. In genere, la musica popolare tradizionale viene definita “la musica delle classi più povere” perché ad eseguirla erano soprattutto contadini e briganti, anche se molto spesso è legata anche ad eventi religiosi. Gioie, dolori, passioni, sono le emozioni che pervadono questa musica. Durante i primi anni, il gruppo propone in concerto un repertorio molto vasto caratterizzato da brani classici della tradizione popolare come la tammurriata dell’Agro Nocerino Sarnese, la pizzica, la tarantella montemaranese e la tarantella del Gargano. I concerti riscuotono grande successo, anche grazie all’entrata nel gruppo di Giovanni Renzulli. Negli anni successivi il gruppo continua a portare avanti lo stesso progetto ottenendo numerosi consensi da parte del pubblico. Il 2015, però, è l’anno della svolta. Nella formazione vengono inseriti Giulia Accomando, Raffaele Campanile e Carmen Raosa. Il gruppo così decide di dar vita ad un nuovo progetto che porta a riscoprire le risorse musicali della nostra terra, l’Irpinia. Inoltre si cerca di sperimentare un nuovo sound, completamente diverso da quello degli anni precedenti e, durante i concerti, testi tradizionali cominciano ad essere adattati sulle musiche scritte dal gruppo. Dopo un’estate ricca di concerti e soddisfazioni, I Malamente decidono di preparare il loro primo disco: “ABBALLA BELLA”.
ABBALLA BELLA nasce dall’idea di fondere passato, presente e futuro del gruppo. Questo invito a danzare sulle note della nostra musica rivolto ad una ragazza immaginaria, in realtà è qualcosa che racchiude un significato molto più profondo. Le feste popolari sono sempre state accompagnate da ritmi frenetici che hanno dato quel tocco di magia alle serate, allontanando per diverse ore i tanti problemi della vita quotidiana. L’obbiettivo del gruppo e del disco è proprio questo: mescolare “tradizione e innovazione”, come recita una strofa del nostro inedito, affinché gli ascoltatori si lascino trasportare da queste musiche.
Dopo il grande successo dell' Abballa bella tour 2016, a settembre entra a far parte del gruppo il bassista Federico Luongo e il 31 dicembre viene pubblicato il primo videoclip ufficiale su youtube, Quanno nascisti tu. Intanto l'esigenza di denunciare un problema come l'inquinamento nella valle del Sabato e la collaborazione con Gaetano Guarino e l'associazione "Salviamo la valle del Sabato", portano alla creazione di un nuovo singolo, Mo' basta, e alla pubblicazione del secondo videoclip ufficiale del gruppo che, nello stesso tempo, continua a lavorare per la produzione di un secondo lavoro discografico..Ultimo singolo in uscita dal 1 Giugno BINARIO 10 un lavoro discografico che sara’ di certo un gran successo.

NEW TONES
NewTones continuano a farvi vivere le atmosfere e le emozioni della migliore musica Americana degli anni '50: il DOO WOP
Dalle romanticissime ballad, agli scatenati rock and roll, questo trio vocale si presenta in perfetto stile con il repertorio che propone. Le tre voci si miscelano con la sezione strumentale formata da: pianoforte (Clem Bernabei), contrabbasso (Damiano Proietti), batteria (Fabrizio Poggi). Il repertorio prevede sia pezzi noti, che vere e proprie chicche che gli ascoltatori saranno lieti di conoscere, nonchè una serie di pezzi inediti, che sembrano uscire direttamente da una radio dell'epoca.
I componenti della band suonano Rock and Roll insieme da oltre 10 anni ed i NewTones sono la sintesi della loro passione per la musica anni '50 e per le armonizzazioni vocali.
Il debutto avviene a Novembre 2017, nel cuore di Roma, con la benedizione di Madame de Freitas e Mirkaccio Dettori (La Conventicola degli Ultramoderni), poi la collaborazione immediata con Al Bianchi (Four Vegas) con i brani di Elvis & the Jordanaires.
Grazie alla fiducia di Elisabetta Soares il primo palco importante è l'Eternal City Motorcycle Show, successivamente l'International Tatto Expo di Roma. Luglio 2018 condividono il palco con Don Diego Trio (ITA) Harry Fontana (USA) Bailey Dee (USA) al “Custom Party” di Casoli.
A meno di un anno dall’esordio arriva la collaborazione con Marco Repetto, Christian Passarella (The Dreamers) e Giulio Farinelli (Everybody On The Shore), nasce la Dreamers Record ed il primo 45 giri dei NewTones è realtà..

EUSEBIO MARTINELLI GIPSY ORKESTAR
LO SPIRITO DELLA GIPSY ORKESTAR di Eusebio Martinelli è di proporre concerti in cui i musicisti e gli spettatori non siano in alcun modo separati da un dislivello dovuto al palcoscenico, ma si uniscano in una festa che veda sullo stesso piano gente ballare, suonare e cantare liberamente. Questo accade normalmente nella tradizione della musica balcanica e gitana in generale, che ha profondamente influenzato e caratterizzato la musicalità di Eusebio Martinelli e della sua Gipsy Orkestar!
La Gipsy Orkestar non ha quindi come unico obiettivo quello di esibire e vantare le doti tecniche – strumentali dei suoi componenti ma di dar vita, grazie alla propria musica, ad esplosioni di energia e feste sincere ed indimenticabili!!
I LIVE DI EUSEBIO MARTINELLI GIPSY ORKESTAR vedono suonare, cantare e divertirsi ogni musicista della band e sono caratterizzati dalla presenza in prima fila di grandi solisti, che insieme a Eusebio giocano e danno vita ad improvvisazioni scatenate.
Il repertorio è basato sulla discografia La Gipsy Abarth Orkestar non ha quindi come unico obiettivo quello di esibire e vantare le doti tecniche strumentali dei suoi componenti ma di dar vita, grazie alla propria musica, ad esplosioni di energia e a feste sincere ed indimenticabili!!
“Gazpacho”, tipico piatto andaluso i cui ingredienti sono uniti in modo insolito ma con grande gusto, è il nome del primo album che comprende brani originali e brani tradizionali suonati in chiave Gipsy Abarth.
Alla realizzazione di Gazpacho hanno partecipato musicisti in possesso di caratteristiche musicali uniche, presenti sulla scena musicale internazionale e provenienti, oltre che da varie zone d’Italia, anche da Serbia, Bosnia e Regno Unito. La loro attività musicale spazia tra progetti propri a collaborazioni con grandi nomi come Goran Bregovich, Vinicio Capossela, Modena City Ramblers…
I live della Gipsy Abarth Orkestar si basano sulla solida presenza ritmica di batteria e contrabbasso slap, mentre in prima linea il violino gitano, la chitarra flamenco e la pazza tromba di Eusebio Martinelli si sfidano e giocano tra improvvisazioni scatenate.
LA BAND è composta da musicisti provenienti da percorsi artistici molto diversi tra loro. L’unione del loro stile, fortemente personale e di grande impatto, crea in tutti i concerti un cocktail esplosivo di energia in cui è impossibile non ballare e divertirsi!!!Africana’ è un gruppo musica tradizionale africana in una fusion emozionante di reggae dancehall

CIRCO RAMINGO
La Compagnia Circo Ramingo propone spettacoli di Circo Contemporaneo e Teatro di Strada per eventi e festival. Nasce nel 2016 dalla scelta di due artisti siciliani, Marco Previtera e Annalusi Rapicavoli, di intraprendere un percorso artistico condiviso che miri alla diffusione del Teatro di Strada con professionalità e qualità artistica.
Insieme sulla scena ormai dal 2013, Aerealista lei, Giocoliere/Acrobata lui, lavorano sulla fusione delle loro tecniche circensi e teatrali, comunicando un linguaggio comune in spettacoli e performance adatti a tutte le età.
Compagni di avventure, creano cerchi di pubblico di luogo in luogo, vivono il sogno di uno stile di vita un po’ “ramingo”, girovago, che si arricchisce continuamente e porta in scena un bagaglio tecnico ed artistico in continua evoluzione.
“Siamo collezionisti di Emozioni, Applausi e Sorrisi sempre nuovi, che rivivono ad ogni nuovo Cerchio”.