Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Stampa

E' iniziato il conto alla rovescia per la VII edizione della Fiera del Libro, quest’anno organizzata dal Comune di Manocalzati nel Castello di San Barbato nei giorni del 5-6-7 Maggio, con la direzione artistica di Donatella De Bartolomeis. Un percorso culturale radicato nel sociale, fortemente voluto dal Sindaco dott. Pasquale Tirone, perché importante momento di aggregazione e di crescita della collettività. Le sale del castello prenderanno vita tra laboratori per gli studenti di diverse fasce d’età, convegni e salotti letterari.

fiera del libroQuest’anno il percorso si è costruito in sinergia con le scuole del territorio, in particolare con l’IC “Don Milani” di Manocalzati e con il liceo scientifico “De Capraris” di Atripalda, scuole che hanno aperto materialmente le porte ad alcuni autori della Fiera per consentire a quanti più alunni possibile di intervenire a dibattiti e convegni. File rouge dell’evento i temi cari a Papa Francesco: la Misericordia, Dante e Iacopone, l’ambiente, la solidarietà, il lavoro, l’indifferenza e la lotta alla violenza attraverso la fede e la cultura. Immancabili la poesia e lo sport. Molti gli autori che raggiungeranno la Fiera da diverse parti di Italia come Taranto, Roma, Siena, Milano, Verona e diverse le scuole che hanno aderito all’iniziativa. Raggiungeranno il Castello le primarie e secondarie di primo grado di Candida, Montefredane, San Michele di Serino, Aiello, Mercogliano, le primarie delle Suore Benedettine di Mercogliano e da Avellino l’ITE Luigi Amabile e il liceo scientifico “P.S. Mancini” promotrice, insieme al Comitato Mancini, all’IC di Castel Baronia e al Comune di Castel Baronia di un convegno su Pasquale Stanislao Mancini. A chiudere l’evento “Francesco Esempio di vita”, il progetto che ha portato l’Irpinia a Roma a Trinità dei Monti, nell’ambito di Youbileum iniziativa del “cammino della pace”. L’episodio presentato sarà “L’ira” l’opera infatti ripercorre momenti importanti della vita di San Francesco tratti dalle fonti francescane anche se non sempre tra i più noti e, in uno sbalzo temporale di oltre 700 anni, ci ripropone avvenimenti simili avvenuti nei giorni nostri. A muovere il filo degli eventi e dei comportamenti umani i sette vizi capitili. Il progetto che nasce da un’idea di Giuseppe Falagario, testi editoriali Marina Villani, editing Giancarlo Perazzini, edizioni il Papavero, sarà presentato dal giornalista Paolo Zefferi. Torna dunque l'atteso appuntamento per una fiera, con ingresso gratuito, diventata in pochi anni un importante punto di riferimento sul territorio. Il castello sarà aperto dalle 9,00 alle20,00 e il servizio di accoglienza sarà curato dai ragazzi dell’ IPSSEOA Manlio Rossi Doria. È solo attraverso la cultura e la fede che si possono ritrovare le proprie radici e costruire una società migliore, noi ci siamo e voi?